fbpx
INTENSIVE TRANSFORMING YOGA 250H TEACHER TRAINING 2021: PREZZO "EARLY BIRD" ENTRO 30 NOVEMBRE

10 Novembre 2020

RIMEDI PER L’AUTUNNO

In autunno ritrova l’energia con i rimedi naturali
L’autunno genera affaticamento, malinconia, cali di memoria e disturbi virali; aiutiamoci con la natura: ecco i consigli per affrontare l’autunno al top.

Con l’arrivo dell’ autunno siamo più predisposti ad affaticamento, cali di memoria, malinconia e disturbi virali. In questa stagione il migliore sostegno arriva dalla natura: uva, zucca, rape, barbabietole e cavoli sono ricchi di sali minerali e molto depurativi; le noci invece rigenerano il cervello. L’obiettivo salutistico principale dell’ autunno consiste nel disintossicarsi dalle scorie estive che affaticano il metabolismo: per questo, da settembre a novembre, devi prestare attenzione all’attività dei reni, del fegato e del sistema immunitario, oltre a nutrire il sistema nervoso.

Churna Vata – Alimento a Base di Spezie

Churna Vata Bio, calmante e rilassante. Una miscela moderatamente piccante di cumino, zenzero, fieno greco, curcuma, zucchero, sale e asafoetida.
In cucina: Il metodo tradizionale è di soffriggere i Churna nel ghee per alcuni secondi e poi aggiungere questa miscela ai piatti pronti oppure durante la cottura.

Depurati con la vite
Le terapie anti-tossine migliorano l’attività di tutti gli organi interni e la risposta immunitaria: il tuo alleato depurativo è il macerato glicemico di gemme di Vitis vinifera, estratto dai teneri germogli della vite: ha virtù diuretiche, leggermente lassative e antire umatiche.

– Il consiglio: 60 gocce la mattina a digiuno in mezzo bicchiere d’acqua, per 3 mesi (da settembre a novembre).

Le foglie di vite gialle e rosse che trovi nelle vigne sono perfette da sbriciolare nell’acqua del bagno perché sono ricche di carotenoidi e sostante antiossidanti.

– Il consiglio: mettine una manciata nella vasca, in un sacchettino di cotone e falle macerare nell’acqua calda, poi immergiti. Dopo il bagno usa qualche goccia di gemmoderivato di vite per massaggiare il corpo.

OLIO di Palmarosa

Il profumo dolce e floreale dell’olio di Palmarosa ha un effetto rilassante a livello della sfera psichica; la sua tollerabilità e capacità di rivitalizzare le cellule della pelle lo rendono prezioso in autunno, quando la pelle soffre gli sbalzi climatici; la sua capacità antibatterica lo rende utile per curare cistiti e disturbi gastrici.

Il consiglio: metti 6 gocce di olio di Palmarosa nell’acqua del bagno. Per tonificare stomaco, fegato e intestino diluiscine 4 gocce in un cucchiaio di olio di oliva da massaggiare sull’addome.

I fiori di Bach

Succede spesso, in autunno, di attraversare un momento di sfasamento causato dal cambiamento di orari, abitudini e stile di vita. Ecco i fiori di Bach adatti.

trasmette l’energia necessaria per adattarsi con maggiore facilità alle diverse situazioni e ai cambiamenti climatici

– Mustard risveglia l’allegria nonostante il grigiore delle giornate d’ autunno. Mustard

Mustard: tra i fiori di bach è il rimedio floreale più indicato. Il giallo brillante di questo fiore, in passato era visto come simbolo di luce, quella luce che occorre a chi ha perso la gioia e vive nella tristezza e nella malinconia; a chi manifesta uno stato momentaneo di dolorosa impotenza, crisi periodiche e altalenanti di depressione, tristezza, disperazione e malinconia, per causa ignota, immotivata, senza una chiara origine e che arriva all’improvviso (nube nera), permane per giorni, settimane, o addirittura mesi, finché altrettanto improvvisamente, scompare, senza motivo apparente.

Questo rimedio sostiene l’individuo in autunno: quando la luce del mondo declina, l’uomo inizia a percepire se stesso come portatore di una luce invisibile, non soggetta a tramonto.

Il consiglio. Versa 2 gocce di ogni fiore in una boccetta con contagocce da 30 ml, aggiungi 2 cucchiai di brandy e riempi con acqua minerale naturale. Assumi 4 gocce 4 volte al giorno, per 3 settimane.

– Un altro fiore comunemente usato è Hornbeam, il Carpino Bianco, è utile ogni qualvolta sentiamo di non avere le forze per affrontare la giornata con la sua routine: possiamo considerare questo rimedio proprio come il nostro stimolante naturale tra i Fiori di Bach, una sorta di starter mattutino che ci darà slancio e vitalità e combatterà la tipica stanchezza autunnale.

– Wild rose: conforto per i sentimenti di malinconia, chiusura, apatia che spesso accompagnano il saluto alla bella stagione solare e si manifestano con le prime giornate di pioggia.

– Walnut: è il fiore dei passaggi, del cambiamento, dell’evolversi e del passaggio dal vecchio al nuovo. Quando lasciamo la stagione estiva viviamo un cambiamento più forte rispetto al passaggio che si verifica nelle altri stagioni e Walnut, la noce, ci dona una parte del suo forte guscio e ci dona la possibilità di rientrare in noi stessi e riscoprire qualcosa di noi.

I cibi amici dell’autunno

– Castagna: dà tono al sistema nervoso. Consumala bollita o arrostita.

– Zucca: è emolliente e tonifica stomaco e intestino.

Cavoli: rassodano i muscoli. Mangiali crudi in insalata 2-3 volte alla settimana.

Uva: è una miniera di vitamine e sostanze antiossidanti. Gusta il frutto o bevine il succo centrifugato, preferibilmente di uva nera.

– Rape: sono ricche di sali minerali che aiutano reni e ossa. Mangiale stufate con un filo d’olio di oliva e un pizzico di senape.

– Barbabietole: rigenerano la struttura ematica. Bevine il succo centrifugato 3-4 volte alla settimana.

Il consiglio. Per tutto l’ autunno sostituisci lo zucchero con i malti, che puoi trovare in erboristeria: sono più saporiti e non ingrassano. Quello d’orzo nutre i tessuti cerebrali e migliora la vista, quello di riso protegge le vie respiratorie, quello di mais drena reni e vescica.

Le piante adattogene
Le piante adattogene aumentano la resistenza alla fatica, regolano le funzioni metaboliche, e migliorano le capacità cognitive.
Appartengono a questa categoria il ginseng, che agisce sul sitema immunitario, endocrino e nervoso migliorando la loro funzionalità, la rhodiola rosea, l’eleuterococco, il guaranà, la damiana e la maca delle Ande.

Queste piante sono in grado di favorire la capacità dell’organismo di adattamento ai cambiamenti climatici o stagionali e sono un valido aiuto per combattere il calo della libido e l’astenia sessuale in entrambi i sessi. Queste proprietà rivitalizzanti e afrodisiache sono dovute alla presenza di componenti ad azione stimolante sulle ghiandole endocrine, soprattutto quelle surrenali, le ovaie e i testicoli.

La griffonia
I semi della griffonia contengono 5-idrossi-triptofano (5-HTP), un precursore della serotonina, ‘ormone del benessere”, che nel nostro organismo è coinvolto in varie funzioni fisiologiche, tra cui l’umore, il sonno, l’appetito.

Innalzando i livelli di serotonina, la griffonia è in grado di migliorare il tono dell’umore, la sessualità, la qualità del sonno; favorisce il controllo della soglia del dolore; e aiuta a regolarizzare il ciclo sonno-veglia, la termoregolazione corporea, l’appetito, eliminando così ansia e depressione.

L’iperico
L’iperico: è cosiderato uno dei migliori rimedi per la cura dell’ansia, della melanconia, per l’insonnia e l’inquietudine nervosa. Queste proprietà sono attribuite principalmente ai flavonoidi, in particolare all’ipericina, che svolge un’azione antidepressiva, in caso di alterazioni del tono dell’umore, depressioni stagionali, turbe della menopausa, stati di esaurimento nervoso.

Olio essenziale di cannella
Olio essenziale di cannella: riscalda il cuore e dona un’avvolgente sensazione di “casa”, aiuta nei casi di freddezza interiore, depressione, solitudine e paura. Per la proprietà tonificante aiuta contro il senso di stanchezza e nell’astenia, perché accelera la respirazione e il battito cardiaco.

Olio essenziale di Rosmarino
L’olio essenziale di rosmarino stimola la corteccia surrenale in caso di pressione bassa, debolezza e stanchezza, anche mentale. È un eccellente tonico nervino che attiva la memoria, calma i nervi e stimola il cuore.

Melatonina
La melatonina è un ormone, prodotto dalla ghiandola pineale; non è un sonnifero, ma un regolarizzatore del ciclo circadiano (ciclo sonno/veglia).
Grazie alla sua azione centrale sulla sincronizzazione della ciclicità ormonale, questa sostanza naturale ricostituisce un fisiologico regime di riposo; contribuisce, cioè, a risolvere l’insonnia, ricreando la naturale periodicità del sonno.

Luce solare
passare più ore possibili alla luce del sole aiuta nel contrastare il calo di luce tipico dei mesi freddi e combattere i sintomi della depressione magari, facendo delle brevi passeggiate.

Bagni caldi con olii essenziali
aggiungi nella vasca da bagno qualche goccia di olio essenziale di lavanda e di limone per coccolarti e rigenerarti ritrovando maggior serenità. Una cena leggera: non abbuffarti la sera ma, consuma un pasto leggero e assicurati di aver digerito prima di coricarti. Non fare le ore piccole: asseconda il tuo corpo che in questo particolare momento necessita di adattarsi al cambio stagionale, vai dormire presto. Mantieni la pelle idratata: utilizza degli olii come l’olio di mandorle o quello di albicocca per evitare la secchezza cutanea e massaggia la pelle per favorire la circolazione.

La natura anche in questo periodo giunge in nostro aiuto, gli alimenti che aiutano contro la stanchezza autunnale sono:
Zucca: dalle proprietà diuretiche, lassativa e rinfrescante, alimento versatile con il quale preparare ottime zuppe e minestre.
Melograno: super frutto antiossidante, ricco di Vitamine A e C
Castagne: contengono pochi grassi ma, sono ricche di minerali e acido folico, quest’ultima, è una caratteristica unica rispetto alle altre tipologie di frutta.

Tutte le crucifere come ad esempio il cavolo: ricco di ferro e zolfo, purifica il sangue, contiene sulforafano una sostanza che aumenta la produzione di enzimi antiossidanti.
Zenzero: favorisce la digestione, riduce i gas intestinali, antinfiammatorio della mucosa gastrica e altamente disintossicante del fegato.
Aglio: antibiotico naturale aiuta nell’eliminare le infezioni.
Noci: ricche di omega 3, stimolano le funzioni cerebrali, regolarizzano la pressione sanguigna e riducono il colesterolo, mantengono sano il sistema immunitario.

3 semplici rimedi per rafforzare le difese immunitarie e prepararsi all’inverno
Echinacea, in decotto o sotto forma di capsule. E’ indicata per la prevenzione delle malattie da raffreddamento ( tosse, mal di gola, raffreddore).
Rosa canina è una fonte inestimabile di Vitamina C. Deve essere consumata il più possibile fresca, senza esporla alla luce del sole per evitare la dispersione della Vitamina C contenuta in essa.
Miele: è fortemente energetico e stimola le difese immunitarie contribuendo al benessere della flora batterica intestinale.

 

RIMEDIO naturale contro la stanchezza d’autunno

Echinacea Complex Prodotto a base di Echinacea angustifoglia radici e.s. 4% in echinacoside e Echinacea pupurea foglie e.s. 4% in polifenoli per avere l’azione combinata di più principi.

Rosa Canina – Tintura

 

Tags

Ritorna